Senato, autorità indipendenti e intervento pubblico

Due parole sulla presente stagione di governo in Italia: premesso che consideri i vari presidenti del Consiglio e relativi governi dei meri prestanome della troika, ritengo particolarmente insidioso Renzi perché dietro le sue doti affabulatorie non si nasconde solo la più stretta ortodossia ai dettami del liberismo ma anche un disprezzo smodato per l’ordine costituzionale: nemmeno Berlusconi ai tempi d’oro si era presentato in Senato esordendo ‘vi voglio abolire’, non a caso ha a più riprese parlato di ‘shock’, proprio quella parola che dovrebbe uscire dal dibattito pubblico visto che è stata spesso accompagnata, a partire dal Cile, da colpi di stato e sovvertimenti violenti dell’ordine democratico.

Forse tutti sanno che non molto tempo fa in Irlanda si è votato per l’abolizione del Senato, istituzione che gode di poteri enormemente più ridotti rispetto all’Italia e solo parzialmente elettiva.

Bene, quella consultazione ha decretato la sopravvivenza della seconda camera come potete vedere qui:

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-10-05/lirlanda-sorpresa-dice-abolizione-194232.shtml?uuid=AbxyW9lI

 

http://www.contropiano.org/articoli/item/19503

 

Se scorrete on line i media italiani dell’epoca troverete una sequela di articoli fotocopia in cui si encomia il decisionismo irlandese per spazzare via un relitto dell’obsoleto ordinamento costituzionale, tra i tanti segnalo:

http://www.europaquotidiano.it/2013/10/02/abolire-il-senato-con-un-referendum-in-irlanda-fanno-cosi/

 Al di là della soddisfazione di veder cadere in un marchiano errore i commentatori nostrani, credo che la vicenda vada letta con occhi un po’ diversi: alla prova dei fatti non è così semplice sbarazzarsi delle istituzioni democratico- rappresentative, tant’è che molte fusioni fra comuni, invocate come una panacea per tagliare i costi, migliorare i servizi e tutte le belle storie che sentiamo ogni giorno, sono stati bocciati:

http://www.ilsecoloxix.it/p/la_spezia/2014/02/10/AQ45MlkB-castelnuovo_bocciata_fusione.shtml

http://www.ilgazzettino.it/NORDEST/ROVIGO/referendum_civitanova_polesine_fusione/notizie/508963.shtml

http://www.ilrestodelcarlino.it/reggio_emilia/politica/2013/10/07/961623-referenum-toano-villa-minozzo.shtml

Strano, perché dovrebbe essere una cavalcata trionfale verso la ‘semplificazione’, il tanto invocato ‘uomo solo al comando’, il commander in chief in salsa mediterranea.

Eppure anche voci ‘critiche’ paiono non cogliere la posta in gioco, nemmeno Diliberto ‘si straccerebbe le vesti’ se il Senato fosse abolito…

http://www.youtube.com/watch?v=7cAsBVqSCHw

 

L’iniziative in cui parla assieme a Rodotà  è piuttosto interessante, sul canale la trovate sostanzialmente per l’intero, tuttavia questa pruderie di riformare la Costituzione e l’ordinamento che disegna è esattamente la sublimazione dei dettami liberisti. Non riesco a capire come si possa pensare di risolvere una ‘crisi’ con le ricette di chi quella ‘crisi’ ha provocato.

A margine di ciò vorrei tuttavia farvi presente che in tutto questo mare magnum di tagli e austerità, specialmente quando sono rivolti agli odiosi costi della politica, nessuno parli delle ‘Autorità indipendendenti’. Qualcosa è stato recentemente detto da Panorama come potete vedere di seguito e qualcosa trovate on line,

https://www.inps.it/portale/image.aspx?iIDRassegna=13273

esse sono il portato non tanto e non solo del sottobosco paragovernativo, quanto e principalmente delle privatizzazioni  e delle liberalizzazioni degli anni ’90 che hanno dato la stura alla nascita di strutture molto spesso inefficaci, parassitarie e dalla dubbia trasparenza come contropartita alle concessioni fatte al ‘mercato’. Questo per smentire coloro secondo i quali la fuoriuscita dello Stato dai settori economici porterebbe automaticamente ad una maggiore trasparenza e alla fine del perverso sistema delle porte girevoli, quel fenomeno in base al quale i nomi e gli esponenti che ricoprono incarichi apicali sono sempre gli stessi e passano promiscuamente dal pubblico al privato e viceversa. Purtroppo si è buttato via il bambino e l’acqua sporca, e i ‘contropoteri’ si sono rivelati un rimedio peggiore del male nonché un costo parossisticamente alto anche in termini strettamente monetari.

 

Alberto Leoncini

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...