28 ottobre-4 dicembre: i giorni del NO

Il 28 ottobre 1940 inizia la campagna di Grecia del regime fascista, cui il governo prima e il popolo greco poi rispondono ‘NO’ (OXI), un NO che ha impedito alle truppe italiane di penetrare efficacemente nella penisola ellenica e che ha costretto Mussolini a chiedere l’ausilio di Hitler, dimostrando in modo definitivo la propria subalternità all’alleato tedesco.

Celebrare questa data è, da un lato,  un momento di vero inter/nazionalismo e dall’altro un bel modo di avvicinarsi a un altro giorno in cui dovremo rispondere NO, il 4 dicembre al referendum costituzionale. La roboante tracotanza del regime renziano dovrà inciampare in quello che il nostro ducetto considera il proprio capolavoro politico e quella che appare a prima vista come una cavalcata trionfale dovrà diventare l’inizio di un rovinoso declino.

Se non l’avete ancora fatto, rinnovo l’invito a votare goofynomics come miglior sito di economia ai MIA2016 e l’articolo sulla Brexit come miglior articolo. Tutte le info al link che segue, con spiegazioni ‘for dummies’.  Anche questo è un modo per prepararsi al 4 dicembre. Sempre nella prospettiva di comprendere ‘perché’ votare NO, vi incollo anche l’articolo di D’Attorre il cui titolo dice già molto: “La sinistra chieda scusa per l’euro”. Fra non molti anni dovranno inginocchiarsi come Brandt al ghetto di Varsavia, speriamo solo di evitarci dieci milioni di morti (6 di ebrei, 4 di vari altri gruppi), cui vanno ovviamente sommati militari e civili.

no-referendum

oxi_-_28_10_1940

 

Ieri tuttavia era un altro importante anniversario, quello dell’assassinio di Enrico Mattei, una delle più importanti figure politico/imprenditoriali del secondo dopoguerra in Italia, di seguito trovate la puntata di wikiradio dedicata al suo ricordo. Mi sembra ben fatta perché emerge chiaramente la dimensione ‘nazionale’ delle sue istanze, tanto con riferimento all’Italia quanto con riferimento ai paesi in via di sviluppo e decolonizzazione, insomma, come diciamo a Indipendenza: “senza indipendenza nazionale, nessuna rivoluzione sociale”. A questo proposito non posso che ri/proporvi il bel documentario su Sankara, di cui ricorreva l’anniversario dell’assassinio lo scorso 15 ottobre.

Vi posto anche la tavola rotonda di Alternativa per l’Italia a Treviso, lo scorso sabato 22/10, al II minuto dopo la III ora (in chiusura) un mio breve intervento su cose che sapete già. Interventi di Paola De Pin, Antonio Maria Rinaldi, Giuseppe Palma, Nino Galloni.

 

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...