Genova e noi

Il crollo del ponte Morandi a Genova resterà, probabilmente, fra quei traumi collettivi della nostra recente (Piazza Fontana, l’uccisione di Moro, la strage di Bologna o gli attentati a Falcone e Borsellino). Che le privatizzazioni fossero una fregatura, che le oligarchie imprenditoriali pensassero solo al porco del comodo loro, che un decennio di cure austeritarie avrebbe distrutto qualsiasi paese, erano cose note e stranote, peraltro ammesse anche dalla stessa stampa mainstream, pur con curiose circonlocuzioni e arditi avvitamenti semantici. Il punto è che, adesso, si entra in una fase in cui bisogna dare concretezza operativa a tutte le belle idee di cambiamento che ormai entrano nella zucca anche ai più duri di comprendonio, certo ci sarà sempre qualche giapponese nel Pacifico disposto a immolarsi negli anni ’70 per l’imperatore, ma si tratta di fenomeni statisticamente trascurabili.

Ci sono, effettivamente, dei movimenti: anzitutto la manifestazione di USB ‘Nazionalizzare qui e ora’ del 20 ottobre (al cui appello ho aderito e invito a fare altrettanto), ma anche la nascita di Patria e Costituzione : tutto bello ma occorre dare un seguito in termini di rovesciamento dei rapporti di forza a queste istanze e, da questo punto di vista, credo ci sia una profonda sottovalutazione del referendum cittadino a Roma sul trasporto pubblico locale dell’11 novembre prossimo. Non ne viene colta la portata ‘nazionale’- quasi che fosse una faccenda che riguarda i romani e basta- ma, specialmente, non vi è la diffusa percezione della sua strumentalità a dare nuova legittimità e agibilità politica alle linee d’indirizzo neoliberista oggi, oggettivamente, in affanno.

La consultazione sulla mobilità urbana a Roma è la più avanzata linea del fronte per articolare l’opposizione al metodo di governo della filiera euroatlantica, di cui il meccanismo della ‘messa a gara’ è uno dei pilastri teorico-operativi e, sinceramente, a un mese dal voto credo che siamo drammaticamente indietro sul piano dell’assimilazione di tale aspetto. Non è ancora sufficientemente chiaro che il tempo dei cenacoli è finito, come è finito il tempo delle riunioni carbonare e dei proclami. Questo è il tempo in cui le forze di alternativa dovrebbero esse stesse dettare l’agenda, ma siccome non è possibile per la residualità dimensionale che tutt’ora le affligge, è essenziale che ci sia quantomeno la prospettazione di un’analisi alternativa a quella imposta dalla monocultura neoliberista, per il cui blocco politico di riferimento è invece essenziale riacquisire un consenso nelle urne, dopo la sequela di batoste subite dai loro referenti politici (PD, Forza Italia, Piùeuropa). Conferire peraltro una legittimazione popolare diretta a una dinamica di privatizzazione avrebbe un potenziale deflagrante, eppure sembra che questa faccenda riguardi altri e sia, in buona sostanza, uno spot da concedere ai Radicali, senza avere chiaro a quali ben precise ‘sponde’ tale movimento risponda.

L’invito che non posso che rinnovare è di segnalare sito, contatti (comitatonoreferendumatac@gmail.com ) e fanpage del comitato informale che abbiamo creato a conoscenti, contatti e amici romani, specie se impegnati in realtà associative, partitiche o sindacali.

Evidentemente non posso che ‘sponsorizzare’ il raggruppamento promosso come Indipendenza , avendo direttamente seguito la sua fondazione e sviluppo, ma ci sono ‘offerte’ per tutte le sensibilità.

Alberto Leoncini

atac no logo

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...